lunedì 15 marzo 2010

Luntane cchiu luntane, volano 99 colombe


Negli ultimi giorni sono stata un po' assente dai blog che seguo abitualmente perchè impegnata in una nuova avventura con Blogmamma e quindi ho notato solo ieri lo stuolo di colombe che si sono levate per dare una mano alla Sorelle Nurzia, storica azienda aquilana, famosa per i meravigliosi torroni e quanto di dolce e buono può allietare le nostre feste. Avrete già letto tutti dell'idea che è venuta ad Artemisia e di aiutare questa azienda.
Vi consiglio caldamente (se non l'avete ancora fatto) di leggervi il post di Artemisia e soprattutto la lettera che ha scritto Mara, la responsabile servizi speciali di Sorelle Nurzia, un racconto non di un'esperta di marketing che deve presentare la sua azienda, ma di una donna, mamma, moglie e lavoratrice che da un evento catastrofico che ha stravolto la sua vita cerca di trarre qualcosa di positivo, di nuovo, di eroicamente bello come può essere lottare perchè l'azienda in cui lavora possa continuare a vivere.
Condivido in pieno le opinioni di Sabrine riguardo al fatto che il mercato non sia un'entità astratta e che siamo noi a farlo e il commento di Lydia riguardo a come in questi casi si possa affermare con una punta di soddisfazione che allora i blog servono a qualcosa...
Voglio partecipare anche io, mi sono subito unita a coloro che sostengono il neonato blog 99 COLOMBE, ora andrò a cercare una colomba delle Sorelle Nurzia,farò il tentativo nel supermercato dove mi rifornisco solitamente, a Natale avevano il torrone, segnalato come PRODOTTO D'ABRUZZO, sennò la ordinerò via mail.
E in attesa di farmi venire in mente una ricetta adatta, vi lascio questa canzone che mi hanno insegnato da ragazzina, che spesso mi ritrovo a canticchiare quando, seduta sulla riva del mare, mi godo il tramonto (non sono tipa da alba!).

Luntane cchiù luntane

Pe cantà sta chiarità

ncore me sente tremà!

Tutte stu ciele stellate, tutte stu mare

che me fa sugnà.

Ma pe'tte sole, pe'tte esce dall'anima me,

mezz'a stu ciele, stu mare, nu cantemente
che nze po tenè.

Luntane cchuù luntane de li luntane stelle,
luce la luce cchiù belle
che me fa ncore cantà.

Luntane cchuù luntane de li luntane stelle,
luce la luce cchiù belle
che ma fa ncore cantà


Marinà s'ha da vugà tra tutta sta chiarità,
cante la vele a lu vente nu cante granne
che luntane và:

tu la sì ddove vo' i' st'aneme pe' ne' murì.

Bella paranze. Luntane 'nghe sti suspire tu
i' da menì.


Luntane cchiù luntane...


Per cantare questo chiarore

in cuore mi sento tremare!

Tutto questo cielo stellato, tutto questo mare
che mi fa sognare.
Ma per te, solo per te, esce dall'anima mia

in mezzo a questo cielo, a questo mare, un canto

che non si può trattenere.


Lontano più lontano delle lontane stelle,

riluce la luce più bella

che mi fa ancora cantare.


Marinaio, si deve remare tra tutto questo chiarore,
canta la vela al vento un conto grande
che lontano va:

tu lo sai, bella barca, dove vuole andare quest'anima per non morire...

lontano con questi sospiri

tu devi venire


Buon lavoro a tutti!

PS trovate qui il regolamento per partecipare

2 commenti:

  1. felice che anche tu faccia parte dei nostri!
    ciao
    sciopina

    RispondiElimina
  2. Grazie Sciopina! Ciao e buona giornata!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails